domenica 26 dicembre 2010

Omaccioni barbuti

Per prima cosa mi sento in dovere di rassicurare la popolazione: TRANQUILLI, LE TETTE SONO ANCORA AL CENTRO DEI MIEI PENSIERI.
Ciononostante, è ormai un pezzo che mi trovo in estrema difficoltà a disegnare le donne. Sono una vera pigna nel deretano, è impossibile farle venire belline ma non volgari, normali ma non dei cessi, espressive, duttili e variegate come gli uomini. Gli uomini sono molto, molto, molto più facili e divertenti. Una bella barba, un naso importante, un maglione infeltrito et voilà un bell'omaccione norvegese pronto per la pesca del merluzzo nel Baltico.
Com'è possibile fare la stessa cosa con una donna? Non lo è.







L'arte di marinare disegno da vero..

...per fare disegno dal vero.
Ho saltato la lezione per fare un po' di disegno dal vero serio e sul campo.
Per disegnare qualche spazio reale, per capire un po' di più com'è fatto il mondo. Sbaglierò sicuramente, ma secondo è molto più utile che incollare la mia testa in un dipinto di Caravaggio.
Intanto, utile o meno, morale o meno, mi sono divertita un sacco e non vedo l'ora di rifarlo.





domenica 12 dicembre 2010

cocchino



cocchino, il mio coccodrillo disegnato col dito.

martedì 7 dicembre 2010

Le consegne cretine

Dico solo questo.
Consegne sull'autoritratto.
Disegnare "una parte IGNOTA a sé e agli altri".

In mancanza di soluzioni più metafisiche, ho optato per questa:

Io e il pennarellazzo love each other

Adesso mi sento un vero disegnatore fygo che fa le cose coi pennarelli grandi come una tegola, hell yeah!

sabato 4 dicembre 2010

giovedì 2 dicembre 2010

Paralisi alle dita dei piedi


Inizia la gioiosa stagione durante la quale la mobilità delle dita dei piedi mentre si è in cantina a lavorare diventa NULLA e c'è il rischio che di notte le chine si ghiaccino. Non sto nemmeno a dire quanto io detesti lavorare là sotto, in quanto se mi mettessi a fare un elenco delle cose che ultimamente detesto disboscheremmo l'Amazzonia per avere abbastanza carta su cui scriverlo.
Ciononostante, oggi è avvenuto un mezzo miracolo, cioè ho completato un'illustrazione ad acrilico senza avere nemmeno una crisi isterica piccina piccina picciò, senza strepitare e disperarmi, senza pisciare in testa ai passanti o urlare improperi in lingue morte, insomma, senza perdermi d'animo per essere alle prese con la tecnica più moralmente sfibrante del mondo.
Il risultato è un po' così così, ma alla fine mi piace, e credo sia un buon inizio per rassegnarsi all'esistenza degli acrilici e alla loro legittima diffusione nel mondo dell'illustrazione.


giovedì 18 novembre 2010

Meglio mardi che tai.


La mia scarsa attività degli ultimi tempi è stata dovuta a:
a) l'ubicazione sfavorevole dello scanner. Io sono una persona pigra. Lo scanner è in cantina, il computer attaccato al caricabatterie in camera. A frapporsi fra i due ci sono 8 gradi di differenza, una ripida scala a chiocciola oppure la pioggia battente fuori per entrare in cantina dal garage.
b) la scarsità di materiale soddisfacente (......a parte l'icona dell'odio disegnata col dito....ovviamente)

Iniziamo con un piccolo omaggio a Fred Vargas, che mi piace un sacchissimo.

Proseguiamo con un piccolo omaggio a mio papà e a casa mia, che mi piacciono ancora di più.
Seguirà speriamo a breve aggiornamenti su una materia infingarda quale è interpretativa, e i miei primi, orridi tentativi di illustrazioni a sfondo economico.

venerdì 5 novembre 2010

Tutta l'anti-stima del mondo.

Io:"Ciao stupida troglodita di una segretaria disinformata, dammi le chiavi della mia aula preferita cosicché io possa adempiere il mio sacro compito e finire il cartone animato dove compare un pomodoro elegantemente somigliante al Cobra."
Segretaria:"....non so dove hanno spostato la bucatrice"
Io:"MUORI ERETICA!" *spargimento di sangue*

....ho poi scoperto che una bucatrice può costare anche 3300 sterline.
Stycazzy.

martedì 2 novembre 2010

mercoledì 13 ottobre 2010

Intermezzo polemico


Quelli dello IED sono dei ciucciamentine e dei delinquenti perché non mi fanno bucare i fogli per animare adducendo motivazione fiappe tipo "eh ma le aule non sono agibili...sai com'è i lavori..." (nel frammentre, fiumi di gente che entra ed esce...bah). La mia ira non solo sarà implacabile e tremenda, ma comporterà anche la certezza di avere un nemico giurato all'interno delle loro stesse mura.
Tremate, segretarie del cazzo.
(il bellissimo disegno qui sopra è ovviamente fatto col dito, su photoshop, e rappresenta la mia austera persona che perde le staffe)

sabato 9 ottobre 2010

Delirio golfistico!


Lo so, io dovrei essere qua a fare disegno cieco e donnine scosciate, ma....

giovedì 30 settembre 2010

MISSIONE COMPIUTA!






Tripudio e trionfo!
Ho finito.
Ecco a voi la signora Anna Bronski-Koljaiczek.
(lo scanner di mia mamma fa cagarissimo e non piglia i blu...le ombre sulla neve dell'ultimo disegno in realtà sono nettamente azzurre)
(pazienza eh)

mercoledì 29 settembre 2010

Scarti


Questo concorso di Bologna si sta rivelando un'inesauribile fonte di ansia da prestazione.
E di dubbi.
E cambi di programma.
Ero partita con l'idilliaco proposito di illustrare "Il Gigante Egoista" di Oscar Wilde. Esaltata dalla prospettiva di poter appiccicare fiorellini di carta velina rosa per ogni dove, ho iniziato a disegnare bimbi e giardini.......a metà della prima tavola sono stata sopraffatta dalla stucchevolezza: sono forse tipo da disegnare bimbi sorridenti?
NO.
NEMMENO PER SOGNO.
Mi sono autoimposta un po' di buon gusto e mi sono dedicata a qualcosa di più "me".
CICCIONI CHE CANTANO L'OPERA SOTTO LA DOCCIA!!
Sublime no? Si certo, però offriva pochi sviluppi.
Fatto uno, fatti tutti.
Quindi, a due giorni dalla scadenza, ho ricominciato da capo, per la terza volta.
Questa volta il progetto è ambientato in Polonia, e più precisamente in Casciubia, e implica la solenne e voluminosa presenza della signora Anna Bronski-Koljaiczek e delle sue 4 gonne color patata.
Ci saranno gendarmi, incendiari, trucchetti da mercato, campi di patate, candele e fazzoletti da testa.
Speriamo sia la volta buona!
Al limite, posso sempre riciclare la Storia delle Mutande illustrata per un esame di scuola :)

lunedì 20 settembre 2010

Cena con delitto

Altro che Cluedo.
Rompere una bottiglia d'olio ligure extra vergine sul pavimento in cotto della cucina dei tuoi non è mai una bella cosa.
E io stasera l'ho fatto (in modo del tutto accidentale, chiaramente - al momento non nutro alcun desiderio di autoeliminazione).
Mio padre, nonostante mi voglia molto molto bene, sono sicura che nello stesso istante in cui si è concluso il dialogo "CAZZOCAZZOCAZZOCAZZOCAZZOOOOO" "Che c'è Laura?" "Ho rotto la bottiglia dell'olio" ha desiderato di aver usato, nel 1990, preservativi di amianto, e di non avermi mai generata (poi si è ricreduto, spero).
Abbiamo dispiegato tutte le risorse a noi disponibili (scottex-giornali-segatura) e altro olio, questa volta di gomito.
Beh, che ci crediate o no, adesso il pavimento della nostra cucina brilla di luce propria e non abbiamo mai avuto un cotto così lucido e nutrito (leggi: una scusa per me per non dare la cera nei prossimi sei mesi).

Prossima volta sparecchia mio fratello.


mercoledì 15 settembre 2010

i m o s t r i .

Un misto di ispirazioni tra la Susanna e Brendan and the Secret of Kells.
Fatto sta che avevo una gran voglia di rosso.

La casa col cedro

La casa col cedro aveva dietro un bel cielo :)

venerdì 10 settembre 2010

Il folle demone della danza

Mogli indiavolate trascinano mariti non votati al folle demone della danza sulle bollenti piste del ritmo latino.

giovedì 9 settembre 2010

domenica 22 agosto 2010

NINJAS IN A TIN!


Ho accantonato un momentino il cartone del Cobra per dedicarmi a quest'idea, che sta già prendendo il largo sull'onda dell'entusiasmo per le fughe misteriose dei pomodori pelati (quello che la Mutti non ci ha mai detto!!).
In omaggio a colui che è stato messo da parte c'è un pomodoro progettato a sua immagine e somiglianza :)

P.S.
Visto il nuovo header?? Il vintage-truzzo non tradisce mai!

venerdì 20 agosto 2010

Un post che non c'entra nulla - WRWC England 2010


Scrivo questo post che non ci azzecca un fico secco con tutti quelli precedenti perché oggi sono iniziati i mondiali di rugby femminile.
Per una fortunata e rarissima congiuntura astrale, li fanno vedere su Eurosport 2 e io me li sto guardando con somma soddisfazione, spalmata adeguatamente sul divano con un succhino alla pesca.
Il Galles le ha prese dall'Australia, che nonostante alcuni camion di cartellini gialli ha saputo giocare meglio e concretizzare le occasioni.
Le Black Ferns neozelandesi stanno or ora asfaltando in tutta calma il Sud Africa. Solo nei primi 11 minuti hanno fatto 4 mete, tanto per dire.
Per la cronaca, una giocatrice neozelandese ha esordito nel 1990. E gioca ancora come un rullo compressore.
Sticazzi.

(la foto qui sotto è ovviamente rubata a Getty Images)


domenica 15 agosto 2010

Intermezzo botanico

Betulle.
In montagna nulla mi faceva sentire il cambio (in positivo) del clima quanto loro.
Ah, e anche dormire con le finestre aperte e svegliarmi nel bel mezzo della notte con le labbra blu (ovviamente ero sufficientemente imbecille da dormire in mutande e lenzuolino....brava torda).

domenica 8 agosto 2010

Raptus benedettino


Senza alcun apparente motivo mi sono convinta di essere un monaco del 1100 e mi sono messa a miniare l'Apocalisse.
La cosa peggiore...è che mi sono divertita.
Tuttavia non credo che da grande farò il benedettino.

domenica 25 luglio 2010

Regina

Regina Spektor, "Laughing with".

venerdì 23 luglio 2010

Ladri di albe


I campi blu
e livida è l'aria.
All'alba nessuno si ricorda che
è estate.

I jazzisti non hanno orari

...e per questo andrebbero uccisi tutti.
C'è un testa di minchia in quartiere qui da me che si è messo a suonare il sax ADESSO. Se le mie vecchie orecchie non mi ingannano sta tentando un'ardita versione jazz di "Se telefonando".
E' quasi mezzanotte, e la gente dovrebbe avere più criterio.
Spero che gli vengano un mucchio di piaghe al sedere.

domenica 11 luglio 2010

Le cose irritanti


Top five delle cose fastidiose del mese di luglio.
Non illudetevi che siano solo queste, queste sono solo ALCUNE.
E no, non sono razzista, solo che odio gli scocciatori. E no, l'argomento "stanno solo lavorando" non regge.

Comunque.

Alla numero 5 ci sono senza ombra di dubbio i cuochi di Gambero Rosso Channel, che umiliano le mie velleità di massaia emiliana facendo la pasta fresca in due secondi. E viene sempre benissimo. Bella, elastica, gialla al punto giusto, sottile ma resistente, che anche se ci fai dei ravioli da 60 chili e li getti noncurante nell'acqua incandescente non si crepano mai. MAI.

Alla numero 4 campeggiano i ciccioni sudati che in autobus ti spiaccicano contro il finestrino (bollente). Sono onnipresenti. Si, sono anche nella tua città.
(la persona spiaccicata è mio fratello)
(la vecchia è optional)

Alla numero 3 invece ci sono le zanzare tigre.
Non aggiungo altro.

Alla numero 2 i magrebini che alle 8.40 del mattino ti vengono a suonare alla porta cercando di venderti, per giunta a prezzi allucinanti, cose di un'inutilità unica e irripetibile.

E alla numero uno, una nevrosi. I rimasugli di fondo di caffè che galleggiano nell'acqua dei piatti perchè qualcuno ci ha sciacquato dentro il filtro della moca. Lo so che in realtà non è niente di grave, ma alle nevrosi non si comanda.
Quest'operazione mi ha messo enormemente di buon umore, quindi c'è il rischio che io diventi buona/simpatica/un altro aggettivo positivo e faccia anche una top five delle cose che mitiche del mese di luglio.

venerdì 9 luglio 2010

Nuovo header tamarro

Ho pensato di chiamarlo "BEER OVERFLOW" e devo ammetterlo, mi piace da morire.
Ha un non so che di caraibico, e mi fa venire in mente Monkey Island
(Guybrush Threepwood docet).

Il Cobra fa la sua elegante comparsa

Eccolo qui!
Il nostro magnanimo eroe!

E' stata tra l'altro intrapresa una linea di condotta completamente diversa per i backgrounds, che saranno molto più lineari e con pochissimi elementi colorati per ogni inquadratura.
Ci sto lavorando adesso, saranno pubblicati prossimamente :)